Benvenuti su Entomologando, un blog che si occupa di Entomologia e Naturalismo. Ci trovi sui principali social network: Facebook, YouTube, Google+. Puoi anche iscriverti alla Newsletters e diventare Lettore fisso. Novità: Ogni Settimana un nuovo post.

19 marzo 2017

Belostomatidi: dei papà eccezionali

Autore: Marshal Hedin, Wikimedia Commons
In occasione della festa del papà, prendiamo in esame, per il titolo di "padre" più attento tra gli insetti, i maschi dei Belostomatidi; una famiglia di insetti acquatici Nepomorfi. Le cimici d'acqua giganti sono insetti di grandi dimensioni, alcuni generi possono arrivare anche a 12 centimetri di lunghezza, vivono in acque tranquille. Sono voraci predatori, si nutrono di artropodi, lumache, girini, piccole rane e piccoli pesci. Catturando le prede con le zampe anteriori e iniettandovi con la puntura la saliva tossica, la quale ha un'azione paralizzante ed un effetto necrotizzante sui tessuti interessati. Singolare è il meccanismo dell'ovideposizione che vede protagonisti i "papà" di questa famiglia. Le femmine incollano le uova sul dorso dei maschi, i quali se ne prendono cura fino alla schiusa: la vitalità delle uova richiede scambi gassosi che sono favoriti da un'alternanza fra l'esposizione all'aria e l'immersione, perciò i maschi emergono periodicamente per esporre all'aria le uova. I maschi dei Belostomatidi si comportano propio come dei "papà eccezionali".

Nessun commento:

Posta un commento