Benvenuti su Entomologando, un blog che si occupa di Entomologia e Naturalismo. Ci trovi sui principali social network: Facebook, YouTube, Google+. Puoi anche iscriverti alla Newsletters e diventare Lettore fisso. Novità: Ogni Settimana un nuovo post.

9 dicembre 2015

Il canto dei grilli tra leggende e superstizioni

Il canto dei grilli, quel suono che ci accompagna nelle sere d'estate, è da sempre legato a superstizioni. Il canto e la presenza stessa dei grilli sono legati a una serie di curiose leggende. Per i cinesi, ad esempio, questi insetti portano fortuna, e se una persona pura di cuore ne cattura uno, l'insetto dovrà esaudire un suo desiderio. In Brasile la presenza di un grillo di colore verde indica buone speranze, se di colore nero una malattia, mentre se canta in continuazione l'arrivo di una gravidanza. Alle Barbados un esemplare particolarmente canterino indica un'imminente guadagno: guai ad ucciderne uno, se non si vuole rimanere in bolletta. Ma anche l'Italia ha le sue bizzarre credenze sui grilli e il loro canto. In alcune zone si crede che l’abbondanza di grilli sia presagio di carestia, in altre si dice ad esempio che quando canta il grillo il brutto tempo è finito, in altre ancora si pensa che il suo canto maturi le uve. Di certo sta che finché sentiremo il loro canto saremo fortunati. Non perderti la nuova puntata di Insetti da record per scoprire il grillo più pesante al mondo: "Il Weta gigante, il più pesante". Se non lo avete ancora fatto iscrivetevi al canale youtube di Entomologando per non perdervi i prossimi video.
Di notte, più del canto dei grilli, mi impressiona il silenzio di milioni di formiche che ascoltano. Tudor Vasiliu

Nessun commento:

Posta un commento